Scusa del disturbo

Ore 4.00 del mattino, si illumina il telefono,
Mi sveglio di soprassalto quasi fosse un incubo.
Ore 4.00 del mattino, il caldo, il sonno, la testa, non dormo più,
Mi vieni in mente sempre e solo tu.
Ore 4.00 del mattino, ogni sogno è invadente e finisco
Sempre per pensare a te.
Così intensamente da arrivare fin lì. Così intensamente da svegliare anche te.
Ore 4.00 del mattino, scusa il disturbo, mi sentivo un po’ solo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...